SOLFERINO 2009: GRANDE FESTA PER I 150 ANNI DELL’IDEA DI CROCE ROSSA
SOLFERINO 2009: GRANDE FESTA PER I 150 ANNI DELL’IDEA DI CROCE ROSSA
SOLFERINO 2009: GRANDE FESTA PER I 150 ANNI DELL’IDEA DI CROCE ROSSA
SOLFERINO 2009: GRANDE FESTA PER I 150 ANNI DELL’IDEA DI CROCE ROSSA
SOLFERINO 2009: GRANDE FESTA PER I 150 ANNI DELL’IDEA DI CROCE ROSSA
SOLFERINO 2009: GRANDE FESTA PER I 150 ANNI DELL’IDEA DI CROCE ROSSA
SOLFERINO 2009: GRANDE FESTA PER I 150 ANNI DELL’IDEA DI CROCE ROSSA
SOLFERINO 2009: GRANDE FESTA PER I 150 ANNI DELL’IDEA DI CROCE ROSSA
SOLFERINO 2009: GRANDE FESTA PER I 150 ANNI DELL’IDEA DI CROCE ROSSA
SOLFERINO 2009: GRANDE FESTA PER I 150 ANNI DELL’IDEA DI CROCE ROSSA

Indimenticabile l’edizione 2009 di Solferino, nella quale sono stati celebrati i 150 anni dalla nascita dell’idea di Croce Rossa. Una sei giorni che ha accolto migliaia di volontari. Presenti le rappresentanze di Croce Rossa e Mezzaluna Rossa da 150 paesi nel mondo, per un’età compresa fra i 17 ed i 70 anni.

150 anni di Croce Rossa

Solferino 2009 è stato il teatro delle celebrazioni per i 150 anni dalla nascita dell’idea di Croce Rossa. Dal 1992, ogni anno in migliaia sono i volontari che partecipano a questo avvenimento fortemente evocativo. Ma il 2009, più che mai, si è caratterizzato per momenti altamente suggestivi. Una sei giorni densa e indimenticabile. All’evento ricordo migliaia di volontari provenienti da tutto il mondo, tra cui i partecipanti dello Youth on the move (terzo incontro mondiale della gioventù) e del Villaggio Umanitario. Solferino 2009 in sei giorni ha coinvolto oltre 15 mila persone fra operatori e volontari della Croce Rossa da tutto il mondo. L’enorme campo, il più grande mai allestito in Italia (fuori emergenza) si estendeva su 200 mila metri quadri, la grande mensa ha prodotto circa 100 mila pasti nei sei giorni, presenti le rappresentanze di Croce Rossa e Mezzaluna Rossa da 150 paesi nel mondo, per un’età compresa fra i 17 ed i 70 anni.

La Fiaccolata

Culmine dell’iniziativa la tradizionale Fiaccolata, una processione che ripercorre simbolicamente il percorso di 8 chilometri compiuto nel 1859 dalle donne e dagli uomini del posto che portarono soccorso con Henry Dunant ai feriti nel campo di battaglia di Solferino, trasportandoli fino al primo avamposto medico a Castiglione delle Stiviere. Alla processione parteciparono anche i familiari di Eugenio Vagni, l’operatore della Croce Rossa Internazionale rapito nelle Filippine che, all’epoca, era ancora ostaggio. Tante le presenze istituzionali internazionali, tra cui il Presidente del Comitato Internazionale della Croce Rossa, J. Kellemberger e il Presidente della Federazione Internazionale di Croce Rossa e Mezzaluna Rossa, M.Suàrez del Toro. Sono state accese 15.000 torce.

Lo Youth on the move

I giovani dello Youth on the move sono stati coinvolti in un ricco calendario di momenti di formativi, scambio delle migliori esperienze e momenti di socializzazione interculturale. A evento terminato, 300 di loro sono partiti per una marcia verso Ginevra a piedi e in autobus, dove il 2 luglio alla presenza dei potenti della terra (ONU, UNCHR) hanno presentato la dichiarazione stilata nei giorni di Solferino. Il testo ha inteso ribadire il ruolo strategico che avranno i giovani per la costruzione di un mondo migliore, l’importanza della lotta alle discriminazioni ed ai pregiudizi e la necessità di diffondere i valori del volontariato, investendo sulla formazione e sull’informazione.